Domenica 23 Giugno

Pieve: alla Santa Messa delle 8.00 ricordiamo Sergio Giuliattini (Via Nenni, 1) e Maria Grazia Calzolai in Masolini (Viale della Repubblica, 7/D).

Centro Giovanile: Insieme Party…amo: Domenica in compagnia dove l’amicizia, i sorrisi e la gioia di stare insieme non mancheranno.

Programma:                  ore 10,30 Santa Messa al Santuario; dopo, tombola con tanti premi.

                Ore 13.00 Pranziamo insieme e poi pomeriggio con canti e musica dal vivo.

Lunedì 24 Giugno Solennità della Natività di San Giovanni Battista

N.B. Al mattino sono sospese tutte le Sante Messe in Diocesi. Pertanto in Pieve al mattino non ci saranno le Lodi né la Santa Messa delle 8.00. Viene celebrata la Santa Messa delle 18.00.

Firenze,Cattedrale di Santa Maria del Fiore: ore 10.30, Ordinazione Episcopale di don Gherardo Gambelli, nuovo Arcivescovo di Firenze e inizio del suo ministero episcopale nella nostra Arcidiocesi.

È possibile seguire la celebrazione in diretta streaming dalle ore 10.25 nel canale YouTube: “Redazione Toscanaoggi”

Figliano: inizia il Campo Scuola per i Bambini di Quarta Primaria del Catechismo.

San Giovanni Maggiore: Festa Patronale.

  • Ore 19.00, “intervista” a San Giovanni Battista curata dai Bambini.
  • Ore 19.15, Santa Messa.
  • Dalle ore 20.00, momento di socializzazione. Ceneremo insieme condividendo quello che ciascun partecipante porterà: Chi c’è c’è, co’ icché c’è c’è
  • Intrattenimento musicale e giocoso.
  • Presentazione in esclusiva de’ “Il Sangiovannino”, biscotto della tradizione panicagliese per la festa di San Giovanni dal… 2024.

Per facilitare l’organizzazione, se qualcuno vuole, potrà comunicare ciò che preparerà  al 339-3003245 – Laura.

Mercoledì 26 Giugno

Centro Giovanile: ore 21.00, “Cristiani ed ebrei in dialogo: a che punto siamo?” – Giulio Conticelli – Amicizia ebraico-cristiana di Firenze.

Sabato 29 Giugno Solennità dei Santi Pietro e Paolo

Pieve: ore 11.00, Laura Parigi riceve il Battesimo.

Pieve: ore 15.00, Filippo Passerini e Evelyn Avalos Cortez celebrano il Sacramento del Matrimonio.

San Cresci: ore 15.30, Alessandro Mei e Beatrice Petrucci celebrano il Sacramento del Matrimonio.

LE RELIGIONI IN DIALOGO: PER UN FUTURO DI PACE

Martedì 2 Luglio: Centro Giovanile: ore 21.00, “Cristiani e musulmani: una nuova stagione per dialogo?” – Hamdan al Zeqri – Responsabile del dialogo interreligioso per la Comunità islamica di Firenze.

Catechesi del Papa. La passione per l’evangelizzazione: lo zelo apostolico del credente.

29. L’annuncio è nello Spirito Santo.

Nelle scorse catechesi abbiamo visto che l’annuncio del Vangelo è gioia, è per tutti e va rivolto all’oggi. Scopriamo ora un’ultima caratteristica essenziale: occorre che l’annuncio avvenga nello Spirito Santo. Infatti, per “comunicare Dio” non bastano la gioiosa credibilità della testimonianza, l’universalità dell’annuncio e l’attualità del messaggio. Senza lo Spirito Santo ogni zelo è vano e falsamente apostolico: sarebbe solo nostro e non porterebbe frutto.

In Evangelii gaudium ho ricordato che «Gesù è il primo e più grande evangelizzatore»; che «in qualunque forma di evangelizzazione il primato è sempre di Dio», il quale «ha voluto chiamarci a collaborare con lui e stimolarci con la forza del suo Spirito» (n. 12). Ecco il primato dello Spirito Santo! Perciò il Signore paragona il dinamismo del Regno di Dio a «un uomo che getta il seme nella terra; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa» (Mc 4,26-27). Lo Spirito è il protagonista, precede sempre i missionari e fa germogliare i frutti. Questa consapevolezza ci consola tanto! E ci aiuta a precisarne un’altra, altrettanto decisiva: cioè che nel suo zelo apostolico la Chiesa non annuncia sé stessa, ma una grazia, un dono, e lo Spirito Santo è proprio il Dono di Dio, come disse Gesù alla donna samaritana (cfr Gv 4,10).

Il primato dello Spirito non deve però indurci all’indolenza. La fiducia non giustifica il disimpegno. La vitalità del seme che cresce da sé non autorizza i contadini all’incuria del campo. Gesù, nel dare le ultime raccomandazioni prima di salire al cielo, disse: «Riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi, e di me sarete testimoni […] fino ai confini della terra» (At 1,8). Il Signore non ci ha lasciato delle dispense di teologia o un manuale di pastorale da applicare, ma lo Spirito Santo che suscita la missione. E l’intraprendenza coraggiosa che lo Spirito infonde ci porta a imitarne lo stile, che sempre ha due caratteristiche: la creatività e la semplicità.

Creatività, per annunciare Gesù con gioia, a tutti e nell’oggi. In questa nostra epoca, che non aiuta ad avere uno sguardo religioso sulla vita e in cui l’annuncio è diventato in vari luoghi più difficile, faticoso, apparentemente infruttuoso, può nascere la tentazione di desistere dal servizio pastorale. Magari ci si rifugia in zone di sicurezza, come la ripetizione abitudinaria di cose che si fanno sempre, oppure nei richiami allettanti di una spiritualità intimista, o ancora in un malinteso senso della centralità della liturgia. Sono tentazioni che si travestono da fedeltà alla tradizione, ma spesso, più che risposte allo Spirito, sono reazioni alle insoddisfazioni personali. Invece la creatività pastorale, l’essere audaci nello Spirito, ardenti del suo fuoco missionario, è prova di fedeltà a Lui. Perciò ho scritto che «Gesù Cristo può anche rompere gli schemi noiosi nei quali pretendiamo di imprigionarlo e ci sorprende con la sua costante creatività divina. Ogni volta che cerchiamo di tornare alla fonte e recuperare la freschezza originale del Vangelo spuntano nuove strade, metodi creativi, altre forme di espressione, segni più eloquenti, parole cariche di rinnovato significato per il mondo attuale» (Evangelii gaudium, 11).

Creatività, dunque; e poi semplicità, proprio perché lo Spirito ci porta alla fonte, al “primo annuncio”. Infatti è «il fuoco dello Spirito che […] ci fa credere in Gesù Cristo, che con la sua morte e resurrezione ci rivela e ci comunica l’infinita misericordia del Padre» (ivi, 164). Questo è il primo annuncio, che «deve occupare il centro dell’attività evangelizzatrice e di ogni intento di rinnovamento ecclesiale»; per ripetere: «Gesù Cristo ti ama, ha dato la sua vita per salvarti, e adesso è vivo al tuo fianco ogni giorno, per illuminarti, per rafforzarti, per liberarti» (ibid).

Fratelli e sorelle, lasciamoci avvincere dallo Spirito e invochiamolo ogni giorno: sia Lui il principio del nostro essere e del nostro operare; sia all’inizio di ogni attività, incontro, riunione e annuncio. Egli vivifica e ringiovanisce la Chiesa: con Lui non dobbiamo temere, perché Egli, che è l’armonia, tiene sempre insieme creatività e semplicità, suscita la comunione e invia in missione, apre alla diversità e riconduce all’unità. Egli è la nostra forza, il respiro del nostro annuncio, la fonte dello zelo apostolico. Vieni, Spirito Santo!